Le antiche Olimpiadi (XIII)

Roma 30 luglio 2020 Pubblichiamo oggi un nuovo avvincente racconto storico narrato dall’arch. Livio Toschi, nella sua veste di storico della FIJLKAM. Buona lettura! La corsa degli opliti Se dal 680 a.C. la corsa di quadrighe costituì la gara di apertura dei Giochi, la gara di chiusura, introdotta nel 520 a.C., fu la corsa in armi (oplites dromos), che si disputava sulla distanza di due stadi a Olimpia, di 4 stadi a Nemea e addirittura di 15 a Platea. Gli atleti erano nudi, ma indossavano scudo, elmo e schinieri (più tardi vennero eliminati gli schinieri). All’inizio le armi erano quelle personali, poi – secondo Pausania – nel tempio di Zeus si custodirono 25 scudi di bronzo da distribuire agli oplitodromi prima della

Foro Italico Camp: judo, lotta e karate per una splendida giornata di sport

Roma, 29 luglio 2020 – Giornata speciale ieri al Foro Italico Camp, il centro estivo organizzato da Sport e Salute dove i bambini e i ragazzi possono trovare un luogo di accoglienza nel periodo in cui le scuole sono chiuse. L’obbiettivo è quello di promuovere lo sport come strumento fondamentale di crescita personale e collettiva. Proprio ieri, molti rappresentanti degli sport della nostra Federazione, fra tecnici, campioni e giovani atleti, sono andati al Foro Italico Camp per far conoscere i nostri sport ai bambini e ai ragazzi, che hanno risposto con grandissimo entusiasmo, dando loro delle impressionanti dimostrazioni pratiche. Una bella delegazione della Fijlkam che ha portato la propria appassionante esperienza: per il judo, Matteo Marconcini, quinto alle Olimpiadi di Rio, insieme

La influencer Cecilia Cantarano al Centro Olimpico per lanciare la #warriorchallenge

Roma 25 luglio 2020 È stata ospite al Centro Olimpico Cecilia Cantarano, l’influencer romana di soli 20 anni che vanta oltre 800.000 follower su Instagram e più di 2 milioni su TikTok. Nota per la sua autoironia e per i divertenti lip-sync, Cecilia Cantarano è popolarissima nella cosiddetta generazione Z, i ragazzi post Millenial, abituati all’uso di internet e dei social media sin dalla nascita.Cecilia, al Centro Olimpico ha passato la giornata insieme agli atleti delle nostre nazionali impegnati nel ritiro. Una bella occasione per avvicinare ancor di più i ragazzi alle discipline nobili e formative della Fijkam. Alla fine della giornata di attività con gli atleti, Cecilia ha lanciato su Tik Tok la #warriorchallenge, una sfida in cui chiunque

“Il contributo del mondo dello sport per l’apertura delle scuole a settembre” – Webinar gratuito riservato alle ASD 27 luglio ore 17

Roma, 25 luglio 2020 - Nuovo appuntamento con gli webinar Federali, infatti, lunedì 27 luglio 2020, alle ore 17.00, il Prof. Roberto Tasciotti terrà un webinar dal titolo “Il contributo del mondo dello sport per l’apertura delle scuole a settembre”.L’iniziativa si colloca nell’ambito delle attività che la Federazione sta realizzando per sostenere le ASD in questa delicata fase di ripresa, fornendo strumenti che permettano di realizzare un’alleanza strategica tra l’associazionismo sportivo e l’istituzione scolastica, in un sistema aperto secondo il principio della sussidiarietà orizzontale.A questa iniziativa, riservata agli Insegnanti Tecnici Federali ed alle ASD, seguiranno altre attività di formazione a distanza. Fonte : Fijlkam- NEWS

Le antiche Olimpiadi (XII)

Roma 23 luglio 2020 Pubblichiamo oggi un nuovo avvincente racconto storico narrato dall’arch. Livio Toschi, nella sua veste di storico della FIJLKAM. Buona lettura! Le corse dei cocchi Nella puntata precedente ho cominciato a parlare delle gare di Olimpia. Continuo segnalando qualche primato. Leonida di Rodi vinse per 4 volte (dal 164 al 152 a.C.) stadio, diaulo e oplitodromia, conquistando così 12 corone, che ne fanno il più grande corridore dell’antichità. Nelle stesse discipline Ermogene di Xanto, detto Ippos (cavallo), dovette “accontentarsi” di 8 vittorie in tre Olimpiadi (dall’81 all’89 d.C.). Chionide di Sparta si aggiudicò stadio e diaulo in 3 Olimpiadi (dal 664 al 656 a.C.), come Astilo di Crotone (dal 488 al 480 a.C.), che in più s’impose nell’oplitodromia nel

Azzurri ‘a contatto’ con i partner, convocazione per 36 dal 17 agosto

Superata la prima settimana di collegiale post-lockdown, per la squadra olimpica radunata nel centro federale a Ostia sono arrivati i ‘rinforzi’, ovvero i partner con i quali condividere gli allenamenti ‘a contatto’. La squadra, lo ricordiamo, è composta da Francesca Giorda, Odette Giuffrida, Maria Centracchio, Edwige Gwend, Alice Bellandi, Matteo Medves, Giovanni Esposito, Fabio Basile, Antonio Esposito, Christian Parlati, Nicholas Mungai (Manuel Lombardo è rimasto a Torino), mentre sono Martina Esposito, Flavia Favorini, Ylenia Monacò, Marta Palombini, Sofia Petitto, Daniele Accogli, Salvatore D’Arco, Carmine Di Loreto, Davide Nuzzo, Gennaro Pirelli, Mattia Prosdocimo, Davide Ripandelli ed Ermes Tosolini, i convocati a supporto. C’è soddisfazione per i riscontri registrati nei primi sette giorni di allenamenti, “È stata una settimana impegnativa nella quale

Anche il karate torna al Centro Olimpico

Roma, 20 luglio 2020 – Finalmente riparte anche il karate. Dopo il judo, ecco anche il primo collegiale della nazionale di karate nel post coronavirus, dal 27 al 31 luglio al Centro Olimpico “Matteo Pellicone” di Ostia. Le norme e le linee guida sono state diramate e saranno rispettate con grandissima attenzione. In questa situazione emergenziale difficilissima per tutti, la voglia di sport e di karate è tanta e questo collegiale è un primo passo verso un futuro in cui lo sport sarà di nuovo nella nostra quotidianità. Viviana Bottaro e Mattia Busato, Lorena e Luigi Busà, Sara Cardin, Clio Ferracuti, Laura Pasqua, Silvia Semeraro, Angelo Crescenzo, Luca Maresca, Simone Marino e Michele Martina possono tornare a lavorare come una squadra sotto

Top News dalle regioni n. 9, libere opinioni sulla riapertura in FVG

L’appuntamento numero 9 con la rubrica Top News dalle Regioni tocca questa settimana il Friuli Venezia Giulia, che ha pubblicato in 8 puntate le opinioni di 16 tecnici o dirigenti delle società di judo regionali, quelli che hanno risposto al sondaggio proposto dopo la pubblicazione delle linee guida federali. Un modo, anche questo, per essere vicini alle società ed un modo utile per valorizzare la comunicazione istituzionale nelle regioni. Buona lettura. Gianni Maman (Judo Tamai): La mia posizione personale e societaria è di prudenza sulla riapertura per due motivi. Primo, non esiste un calendario, ne consegue che non è possibile una programmazione/periodizzazione degli allenamenti, per cui non vedo il motivo... Di solito molti club in Friuli chiudono in luglio e

E-Kata con i Sedicesimi si entra nel vivo

Roma, 18 luglio 2020 - Il Contest sta entrando nella fase calda, iniziano oggi, infatti, i 16mi di finale e si andrà avanti fino al 1 agosto.Le modalità rimangono invariate, pubblicheremo sulla nostra pagina FB quattro incontri ogni due giorni attraverso due post, uno di mattina e uno di sera. Tutta la comunità del karate potrà votare un concorrente per post, attraverso le Facebook Reaction (“Mi Piace”, “Love”, “Wow” o “Abbraccio”).Ogni partecipante avrà dunque 48 ore di tempo per essere votato e per qualificarsi agli ottavi ultimo step prima del break estivo.A settembre i best 16 (8 ragazze e 8 ragazzi) dovranno cimentarsi in un nuovo kata che questa volta sarà esaminato dai coach della Nazionale azzurra. I 4 migliori per categoria, selezionati dai

Le antiche Olimpiadi (XI)

Roma 16 luglio 2020 Pubblichiamo oggi un nuovo avvincente racconto storico narrato dall’arch. Livio Toschi, nella sua veste di storico della FIJLKAM. Buona lettura! Le gare di Olimpia All’inizio i Giochi avevano un carattere soltanto locale e il programma agonistico di Olimpia rimase a lungo molto più povero rispetto ai giochi disputati sulla spiaggia di Troia in onore di Patroclo (cantati da Omero nell’Iliade) e di Achille (descritti da Quinto di Smirne nelle Postomeriche).Diciamo subito che la partecipazione agli agones era un fatto strettamente individuale e i giochi di squadra non furono mai introdotti e nemmeno presi in considerazione. Richard Mandell ha precisato che «nella concezione greca di gara atletica non rientravano quell’assoggettamento della volontà individuale, quel rigido insieme di regole e