La ripartenza è una frenata

Questa volta il Piemonte non porta bene alle azzurre che dal 2020, prima della pausa da gare ufficiali per l’avvento del Natale, si congedano con l’esito di una sconfitta. Marsala, nell’anticipo del sabato della 16^giornata di A2, cede le armi in tre atti al Palazzetto dello Sport di Pinerolo, casa della vicecapolista del girone. Ma il risultato finale di questa contesa non inganni.

La partita, dalla durata complessiva di un’ora e mezza, è stata molto più equilibrata di quello che si pensi con la Sigel a chiudere le frazioni sopra i venti punti in tutti e tre i parziali. Solo deve fare ammenda che nei momenti topici dell’incontro ha, purtroppo, fatto incetta di sbavature che nell’economia della partita hanno pesato. Il rammarico, (oltre all’approccio iniziale al match non proprio indelebile e con la Sigel subito costretta a inseguire il gap di parecchi punti: ai passaggi intermedi: 9-3; 20-13; 23-19; 23-23; 25-23, ndr), risiede nel non essere riusciti ad indirizzare verso la Sicilia soprattutto il primo (coach Amadio nel finale prova a scuotere le sue atlete con il cambio Caserta, ex di turno, per Caruso al centro, ndr) e finanche il terzo set (a metà parziale dentro Soleti per rilevare una Gillis ben marcata dalle avversarie), quest’ultimo rivelatosi l’ultimo giocato e terminato all’extratime con un inseguimento infinito ed incompleto da parte della Sigel (il punteggio nella fase finale ha fatto come un’ “altalena” con le squadre incollate) che si è arrestato sul 29-27 e dopo avere avuto la palla per riaprire la discussione e trascinare tutto al quarto set con il set-point sulla situazione di gioco del 25-26 (gran muro di capitan Demichelis). Così la successione set: [25/23; 25/21; 29/27].

 

Gli ingredienti della vittoria delle biancoblu di casa è da rintracciare nella migliore correlazione muro/difesa, con le centrali Akrari e Gray andate a referto rispettivamente con 13 e 9 stampi e la percentuale di attacchi positivi di squadra (36% contro il 33% con cui la Sigel si è fermata), trovando nella Zago il riferimento principale offensivo. Pinerolo in virtù di questo successo da tre punti dopo undici gare giocate allunga con un convincente +4 sul terzo posto momentaneamente occupato da Marsala (dodici partite disputate, di queste sette vittorie e cinque perse). Lilybetane che inanellano così il secondo ko di fila, dopo essere uscite sconfitto meritatamente al PalaBellina da Lpm Bam Mondovì sempre in tre parziali. I migliori scores una interprete per parte li hanno fatto registrare i due opposti: Valentina Zago con 21 timbri e Giorgia Mazzon con 16 punti. Questo lo schieramento iniziale scelto da coach Daris Amadio: Demichelis al palleggio in diagonale con Mazzon; schiacciatrici Pistolesi e Gillis; centrali Caruso e Parini, libero Vaccaro. Prossimo impegno delle nostre sigelline fissato all’anno nuovo. Si riprenderà in casa. Martedì 5 gennaio 2021 con il recupero della 7^giornata di andata rinviato per Covid lo scorso 25 ottobre: saranno nuovamente i sestetti della Sigel Marsala e Eurospin Ford Sara Pinerolo a misurarsi.

 

Tabellino. Eurospin Ford Sara Pinerolo-Sigel Marsala Volley: 3-0 [25/23; 25/21; 29/27]

 

Eurospin Ford Sara Pinerolo: Akrari 13, Boldini, Fiesoli 11, Gray 9, Zago 21, Bussoli 7, Fiori (L), Buffo, Allasia. ne: Pecorari, Casalis, Tosini. Coach: Michele Marchiaro

 

Sigel Marsala Volley: Pistolesi 10, Caruso 4, Demichelis 3, Gillis 11, Parini 8, Mazzon 16, Vaccaro (L), Soleti 2, Caserta. ne: Mistretta (L), Nonnati, Colombano. Coach: Daris Amadio

Arbitri: Andrea Clemente di Parma e Rachela Pristerà di Torino

 

UFFICIO STAMPA SIGEL MARSALA VOLLEY

Fonte : LegaVolley Femminile – NEWS